Az. Agricola San Ruggiero - Barletta (Puglia)
Az. Agricola San Ruggiero - Barletta (Puglia)

Ruggiero Tupputi
Ruggiero Tupputi

Nel cuore delle terre pugliesi, a poca distanza dal luogo in cui si narra che l’eroe greco Diomede, conclusasi la guerra di Troia, delimitò i suoi campi con pietre della mitica città e piantò tralci di vite a ricordo delle sue gesta, sorge la cantina dell’Azienda Agricola San Ruggiero.

Qui, proprio in località Petraro tra Barletta e Andria, a cavallo di due fiumi, il grande Ofanto e l’antico Aveldium che sgorgava dalle pendici di Castel del Monte, nasce uno dei vitigni più antichi di Uva di Troia nella sua varietà cosiddetta della “marina” o “barlettana”.

L’ azienda fondata nel 2012 nasce dall’idea di Ruggiero Tupputi, medico radiologo, di ripercorrere la storia della propria famiglia, guidato e spinto dalla passione per la vigna nel tentativo di valorizzare una vecchia vigna di famiglia, piantata dal nonno Ruggiero piu’ di 60 prima, ad oggi unica per eta’ e per tipologia di cloni antichi nel territorio di Barletta.

Resistita alla tentazione di espianto per far posto a vigne piu’ produttive, Ruggiero Tupputi rinnova oggi il suo amore per questa nobile varietà autoctona nel solco della tradizione antica. Circa 2 ettari vitati ed altri 2 coltivati ad uliveto, nelll’agro di Barletta , contrada Petraro, poco sopra il livello del mare ed a circa 4 Km dalla costa marina. La raccolta manuale , tardiva per il Nero di Troia (seconda meta’ di ottobre) e precoce per il Moscato reale consente la selezione dei migliori grappoli che saranno diraspati e destinati alla vinificazione termocontrollata senza aggiunta di lieviti selezionati.

Le caratteristiche della conduzione agronomica è di tipo biodinamico. Gli interventi sul suolo sono minimi ed effettuati con azioni meccaniche e manuali senza l’uso di pesticidi. Le concimazioni sono effettuate in maniera naturale con inerbimento spontaneo e sovescio alternate a concimazione organica.  La cantina, costruita nel 2013 , sui terreni della azienda agricola San Ruggiero , nel rispetto dei luoghi e dei principi più autentici della bioarchitettura, accoglie gli acini del vitigno curato secondo antiche tradizioni. La cantina contiene per la lavorazione e l'affinamento del vino di 4 botti in acciaio refrigerato, 10 botti in acciaio per l’ affinamento e diverse piccole botti in rovere francese e grandi botti in rovere di Slavonia da 15 Hl per l'invecchiamento del vino. I vini sono prodotti con metodi naturali, senza aggiunta di lieviti selezionati , con tecniche di rimontaggio all’ aria dei mosti, batonage che preservano la tipicita’ degli uvaggi Nero di Troia e Moscato Reale. Dopo l’imbottigliamento le bottiglie vengono accatastate in cestoni a circa 10 gradi per un periodo minimo di sei mesi fino 18 mesi prima di essere pronte per la vendita. Complessivamente ogni anno vengono prodotti circa 8000 bottiglie.


 

 

13 Lame - Puglia IPG Rosso

 

100% Nero di Troia

 

Fermentazione termo-controllata con uso di lieviti indigeni per circa 10 giorni Affinamento in acciaio per circa 12 mesi, 8 mesi in tonneaux di rovere di Slavonia, minimo 6 mesi in bottiglia.

Colore tipico di un rosso rubino intenso con sfumature dal viola al prugna brillante. Al naso il frutto fa sicuramente da padrone con sentori spiccati di frutti rossi e nuovamente prugna, con leggeri spunti floreali. Di buona beva, mineralità presente e piacevole che denota un buon corpo e struttura con buona acidità.

Ottima persistenza. Ampia possibilità di abbinamento.

Un vino forte, strutturato, austero che suggerisce un’idea di coraggio e di riscatto. Le 13 lame rappresentano le 13 spade dei 13 cavalieri della Disfida di Barletta, episodio storico che risvegliò l’orgoglio dell’Italianità avvenuto il 13 febbraio del 1503. 13 soldati, raccolti da tutto lo stivale italico, lottarono contro 13 soldati francesi e ne uscirono vittoriosi.

Questa è la forza del 13 Lame.


 

 

 

Capoccio - Puglia IGP Rosso

 

100% Nero di Troia

 

Vinificazione in acciaio a temperatura controllata e naturale mediante lieviti autoctoni, macerazione per 4 giorni. Affinamento in acciaio per 12 mesi a cui segue 3 mesi in botti piccole di rovere francese, almeno 6 mesi in bottiglia. Trama fitta ed elegante, colore dal viola al prugna brillante. Al naso sentori di vaniglia, cannella, frutta rossa. Di facile beva, fresco, tannico e caldo, sapido e piacevole. Buon corpo e struttura ma non pesante, buona acidità, francamente fruttato.

E’ un vino che si ispira alla forza e alla virilità. Un vino persistente, di grande struttura, che richiama nel nome uno dei cavalieri della Disfida di Barletta: Giovanni Capoccio. Meno noto di Ettore Fieramosca, ma non da meno. Massimo D’Azeglio nel romanzo lo definisce tanto abile con la spada in pugno da non invidiare nulla agli Orazi e di nobilissime origini e cuore, tanto che, anche se disarcionato non si sottrasse al combattimento diventando il vero fautore della vittoria dell’onore Italiano sui Francesi.

E’ un vino che come il cavaliere di ventura va al sodo: soddisfa e vince.


 

 

 

 

 

Sine Verba - Puglia IGP Rosato

 

100% Nero di Troia

 

Fermentazione termo-controllata con uso di lieviti indigeni per circa 7 giorni.

Affinamento in acciaio per circa 4/5 mesi.

Profumo/Aroma: i profumi sono intensi, di frutta rossa: ciliegia, ribes, frutti di bosco

Palato: alla bocca assume l’acidità tipica del vitigno, con buon corpo e discreta lunghezza e buona persistenza.

Un vino che nel suo colore possiede un paesaggio. Strie di rosso che si susseguono nel cielo sfumano nel rosa indefinito del mare al tramonto. Senza parole...


 

 

 

Grajan - Vino da vinificazione in bianco di uve nere

 

100% Nero di Troia

 

Non lasciatevi ingannare dal colore lieve e femmineo. Questo vino è traditore.

E’ una rugiada per gli occhi dalla sfumatura rosa e giallognola. Ma vi ripeto, non lasciatevi ingannare!

Partorito da uva nera, l’abilità nella lavorazione ha creato quest’ottimo vino bianco da tavola.

E’ un nettare che nasce nero e finisce bianco, in un gioco di ambiguità fra ciò che è e ciò che appare.

Dedicato a Claudio Grajano d’Asti, detto Grajan. L’unico soldato che nella Disfida di Barletta, pur essendo piemontese, decide di schierarsi al fianco dei francesi e, quando apostrofato da Ettore Fieramosca di esser traditore gli risponde sincero e velenoso che un buon soldato di ventura ha la Patria dove ha il pane. E lui un buon soldato lo era.

Certe cose, benché vere, non si dicono da sobri.


 

 

 

 

Alvedium - Puglia IGP Bianco

 

100% Moscato varietà Canelli

 

Fermentazione in acciaio a temperatura controllata con lieviti indigeni. Affinamento in acciaio inox 5/6 mesi. Il vino non viene refrigerato né filtrato.

Aspetto: giallo paglierino carico. Profumo/aroma: frutta gialla. Fiori di campo, spezia dolce, leggero sentore iodato. Palato: morbido sostenuto da una buona freschezza e sapidità con retroolfattiva coerente di frutta matura e profumi salmastri.

Un vino bianco che racchiude il senso di un tempo che è stato, sollecita aromi e profumi di tempi antichi, di un territorio fertile, tra l’antico fiume Aveldium e l’Aufidus (Ofanto) ove le brezze marine e le acque murgiane da sempre hanno favorito la crescita di vigne speciali di Moscato Canelli.