Tenuta di Aglaea - Castiglione di Sicilia (Catania) Sicilia
Tenuta di Aglaea - Castiglione di Sicilia (Catania) Sicilia

Anne-Louise Mikkelsen
Anne-Louise Mikkelsen

"Aglaea - la più giovane delle Tre Grazie o Cariti, come erano anche chiamate le tre sorelle, figlie del Dio Zeus, era la dea della bellezza, dello splendore, della gloria, della magnificenza e dell’ornamento. Talvolta svolgeva la funzione di messaggera di Afrodite, la dea dell’amore. Aglaea rappresenta tutti i miei sentimenti per l’Etna, tutto ciò che i miei vini cercano di esprimere e il modo in cui lo fanno. In questo senso i miei vini - i vini della Tenuta di Aglaea - fungono da miei messaggeri dall’Etna.

 Ho scelto di adottare l’agricoltura biologica per principio e questo fin dall’inizio. Nella primavera del 2012 con l’aiuto del l’agronomo Alan York, uno specialista del settore e molto stimato, ho fatto un passo avanti introducendo pratiche biodinamiche.  Ad ogni modo, penso che nelle vigne dell’Etna ci sia già un salubre equilibrio naturale, cosa che mi permette di ridurre il numero dei interventi e mi facilita nella conduzione di un’agricoltura biologica e biodinamica. Per principio e per ragioni economiche (la bio-certificazione comporta un importante costo aggiuntivo a bottiglia) sulle mie etichette non mi presento come azienda biologica; non ho richiesto la certificazione e non ricevo contributi dall’Unione Europea. E’ una mia ferma convinzione che la viticoltura debba essere sempre realizzata in modo responsabile, proteggendo l’ambiente nel quale operiamo e rispettando sia i lavoratori che i consumatori."

                                                                                                                                        Anne-Louise Mikkelsen

 

I vigneti sono composti da un terroir assolutamente unico – diretta conseguenza delle numerose eruzioni dell’Etna che si susseguono da più di mezzo milione di anni fa, da quando, cioè, l’attività del vulcano ebbe inizio. I fiumi di lava si sono solidificati, strato su strato, ricoperti poi dalle ceneri sopra accumulate. Il risultato oggi è un terreno molto poroso, ricco di minerali ed estremamente fertile. I vigneti si estendono su terrazzamenti sorretti e suddivisi da antichi muri a secco, alti fra i 90 e i 120 cm.  I vigneti sono situati sul versante nord dell’Etna, ad un’altitudine di 700-800 metri sul livello del mare, dove il clima è piuttosto fresco, ma esposto al sole in modo ottimale e irrorato dalla luce riflessa dal mare e dai monti circostanti.


  

Annacare - Etna Rosso DOC 

 

100% Nerello Mascalese

 

Vinificazione: fermentazione in vasche di acciaio inox e fermentazione malolattica in barriques

Maturazione 18 mesi in barriques francesi (50% nuove, 50% di secondo passaggio).

Affinamento in bottiglia minimo 6 mesi

Annacare si sposa bene con molti piatti di natura diversa. Suggerisco di abbinarlo a piatti rustici della tradizione siciliana, ma è anche adatto a cibi più raffinati (agnello, verdure, tartufo, piatti di pesce meno delicati, funghi porcini, carni bianche e carni rosse cucinate in modo “leggero”, nocciole tostate e formaggi a pasta dura quale il comté, il gruyere, il pecorino e il buon parmigiano).


 

 

  

Santo Spirito - Etna Rosso DOC

 

100% Nerello Mascalese 

 

Santo Spirito è il primo vigneto ufficiale, costituito da terrazzamenti riposti da antiche mura di pietra a secco e viti ad Alberello. Inutile dire che TUTTI i lavori vengono eseguiti manualmente. Il vino, che affina per 13 mesi in barrique francesi, è un esempio primario dell'essenza dell'Etna: l'impulso delle note di lava, la grande mineralità, il mix di frutta rossa matura, fiori e un tocco di spezie - un insieme complesso e in evoluzione di sapori che si uniscono per formare un vino molto elegante, molto equilibrato. Santo Spirito è finezza.


 

  

 Thalìa - Etna Rosso DOC 

  

100% Nerello Mascalese 

 

Vinificazione: entrambe le fermentazioni, alcolica e malolattica, avvengono in vasche d’acciaio inox Maturazione: 8 mesi in barriques francesi di secondo passaggio. Affinamento in bott. 3 mesi.

Thalia si accompagna molto bene a piatti a base di carni leggere, come ad esempio carne di maiale, vitello e pollame. Altri ottimi abbinamenti possono essere le verdure, quali il cavolo e gli spinaci, i funghi, il carpaccio, vari tipi di antipasti e piatti di pasta e anche piatti leggeri a base di pesce. 


 

  

Aglaea - Terre Siciliane IGP Rosso 

 

100% Nerello Mascalese 

 

Vinificazione: Fermentazione in acciaio inox

Macerazione: 2 giorni a 10°C - 6 giorni a 28-30°C

Malolattica: in acciaio inox.

E' un vino che ben si accompagna con piatti delicati, insalate e verdure in tutte le tipologie. Ottimo come aperitivo, servito insieme a carpacci e salame.


 

  

 

Bianco - Sicilia DOC 

 

Chardonnay, Viognier, Grillo e Grecanico

 

Vinificazione: Fermentazione in acciaio inox

Macerazione: 3 giorni a 10°C - 6 giorni a 28-30°C

Il vino si beve bene sia con che senza cibo. È un vino che si abbina bene a piatti leggeri di verdure  (p.es. asparagi) e pasta con vari tipi di preparazione di pesce, specialmente crudo, cozze e molluschi; è anche un ottimo accompagnamento per formaggi morbidi come caprini e semi-stagionati.